Il nostro viaggio in Peru. Settembre 2013

Il 31 agosto siamo partiti da Milano alla volta del Peru. Un viaggio pensato e voluto per verificare le reali possibilità di operare in Apurimaq, una delle zone piu' impervie dell'entroterra andino. Il nostro giro (tutt'altro che "turistico") è partito da Cusco per poi toccare i "pueblitos" di Cotabambas, Tambobamba, Progreso e Chuquibambilla. Per poi ritornare a Cusco e infine a Lima. 
Le realta' che avrebbero necessità di volontari temporanei e permanenti sono molte. A Cotabambas "l'aldea de los ancianos"; a Tambobamba la "Casa del niño" di Gocce di vita, l'internado delle suore francescane e il dispensario; a Chuquibambilla la "Casa del Niño" delle suore Figlie del Crocifisso. Anche a Lima avrebbero bisogno di aiuto. 
Si necessita di educatori, coppie, psicologi, medici, animatori. 
Noi abbiamo escluso Progreso perché troppo alto e freddo (circa 4000 metri), soprattutto per le condizioni di salute di Donatella. Anche se vi sarebbe bisogno di molto. Lo stesso vale per Lima, dove l'umidità è altissima, praticamente sempre. 
Per quanto ci riguarda considerando la nostra preparazione professionale e umana, riteniamo possibili le realta' di Chuquibambilla (Casa del Niño) e Tambobamba (Casa del Niño di "Gocce di Vita" e il dispensario sanitario). Dove andare lo lasciamo decidere ai Missionari, che hanno il "polso della situazione" e possono definire con più precisione l'eventuale necessita' o urgenza. 
In linea con lo spirito e le finalita' della nostra Associazione, in parallelo all'eventuale collaborazione con le realtà esistenti - che siano a Chuquibambilla o Tambobamba - il nostro obiettivo sarà anche quello di fare prevenzione, informazione e formazione per quanto riguarda la violenza sui minori, familiare, sulla donna e su chiunque si trova emarginato (garantire, ad esempio, l'adeguata assistenza psicologica per le vittime di violenza). Abbiamo anche in mente dei progetti (da condividere e verificare con tutti i missionari) con interventi diretti e concreti, ma per questo ci vogliono fondi, personale, passione e dedizione (per quanto ci riguarda anche Fede). Se la nostra Associazione riuscirà a coinvolgere persone di buona volontà che ci sostengono, potremo realizzare dei progetti importanti. Non ci interessa la "quantità" del lavoro, ma la "qualità". E' inutile che ci perdiamo in descrizioni folkloristiche del viaggio. Per quanto interessanti o curiose non sono importanti quanto i bambini che abbiamo incontrato. Non abbiamo bisogno solo di sostegno economico (necessario e indispensabile), ma di formare volontari disposti a donare uno, due o tre mesi della propria vita (o chissà, anche "LA" propria vita) per condividere quest'esperienza stupenda, che è l'Amore. Leggere negli occhi dei bambini il bisogno di affetto, sentire su di se la loro sete d'amore, ripaga di tutti i sacrifici, le rinunce e le difficoltà. Inizieremo questo grande e impegnativo lavoro e siamo disposti a condividere questo cammino con chiunque voglia farne parte. 
Domani torniamo in Italia con la mente piena di ricordi, il cuore stracolmo di affetto e molte speranze.
Ringraziamo di cuore tutti i Missionari e le Missionarie per l'accoglienza, davvero fraterna e affettuosa. Ringraziamo tutti i bambini per l'amore che ci hanno trasmesso. Ringraziamo le persone che ci hanno sostenuto e continuano a farlo, sperando di coinvolgerne molti altri. Ringraziamo il Signore per quanto ci ha donato.
Alberto e Donatella

 

 

 

Galleria Perù settembre 2013

Progetto Perù

Nel 2007 con mia moglie Donatella ho fondato l’Associazione “Piccolo Alan” ONLUS con il preciso scopo di promuovere il diritto all’infanzia e combattere qualsiasi forma di violenza contro i “minori”. Da allora l’Associazione ha promosso e organizzato convegni e seminari sulla pedocriminalità e la violenza, ha organizzato corsi contro la violenza nelle scuole Medie e ha sostenuto famiglie in gravi difficoltà economiche o vittime di pedofilia. In questi anni è stata aperta anche la Comunità familiare “Il rifugio di Alan” che ha operato relativamente poco anche a causa dei continui tagli nel settore sociale fatti dalle Amministrazioni locali.

Dal 31 agosto al 27 settembre 2013 ci recheremo presso la Missione dei Padri Agostiniani in Peru, nella regione di Apurimaq. Sarà un mese dedicato alla stesura e all'Organizzazione del "Progetto Peru" per l'intervento più radicale che sarà reso operativo nel 2014 quando ci trasferiremo stabilmente in collaborazione con i Padri Agostiniani, per interventi in ambito educativo infantile. Il progetto è ancora in el fase embrionale ma ci sono alcune ipotesi molto interessanti. Sarà nostra cura pubblicare la stesura definitiva del Progetto, con testimonianze fotografiche e video. A quanti ci leggono chiediamo sostegno, in tutti i sensi, nella speranza di trovare l’aiuto necessario.


CHIUNQUE VOGLIA COLLABORARE PER LA RACCOLTA FONDI PUO' SEGUIRE LE SEGUENTI INDICAZIONI:

C/c Associazione "Piccolo Alan" ONLUS

IBAN: IT81A0335901600100000003946 
BIC: BCITITMX
FILIALE - FILIALE DI MILANO
20121 - PIAZZA PAOLO FERRARI 10 - MILANO

Le causali possono essere, ad esempio:

- Sostegno all'Associazione per il "Progetto Peru"
- Sostegno ai Missionari Italiani (quanto raccolto verrà consegnato direttamente nelle mani dei Missionari)

GRAZIE


Alberto Sala

Presidente Associazione “Piccolo Alan” ONLUS 

Sostienici con il 5 per mille

Puoi decidere di sostenere l'associazione con il 5 per mille, ogni anno!